inizia

Critiche e dubbi sull'economia basata sulle risorse

257 replies [Ultimo contenuto]

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.
Xion
Ritratto di Xion
Offline
Unito: 2 Giu 2010
Messaggi: 28
Dubbi da porvi

Io ho qualche domanda da fare...

Le idee espresse da Fresco e le linee guida per la realizzazione del VP sono dogmatiche o un semplice canovaccio su cui lavorare?
Intendo dire, ciò che dice Fresco può essere rimesso in discussione dalla comunità e cambiato se necessario?
E fino a che punto?

Qualcuno in linea di massima ha un'idea di quale sarà il percorso più probabile per arrivare alla realizzazione del VP e di una nuova società?
Intendo dire ci si arriverà per gradi, o ci sarà un tracollo apocalittico da cui l'umanità ripartirà da zero?
E Fresco cosa ne pensa al riguardo?
So che nessuno ha il dono della veggenza, ma suppongo che quando si ha in mente un progetto e lo si voglia realizzare, sia inevitabile cercare di capire quali siano le strategie da pianificare e mettere in atto in base agli eventuali e più probabili sviluppi futuri.
Risveglio delle coscienze, guerre, attacchi da parte del sistema a questo nuovo movimento ecc...
Oltre alla divulgazione del progetto e delle falle del sistema odierno, esistono strategie atte a scollegare gli individui che lo desiderino dal sistema attuale?
Esistono sistemi "alternativi" transitori concreti che gli attivisti possano mettere in atto già domani per rendere obsoleto il sistema monetario?
Oltre ai progetti e alle idee, un attivista ha un'alternativa di vita che lo renda indipendente?

Per esempio un tossicodipendente, se vuole cambiare vita, oltre alla presa di coscienza e alle buone intenzioni, ha la possibilità di andare a S. Patrignano dove potrà scollegarsi dalle sue abitudini, luoghi e amicizie dannose.
Dove non sarà discriminato e potrà lavorare contribuendo alla comunità che gli assicurerà cibo, acqua, ed un tetto sulla testa.

Chiedo scusa se queste domande sono già state trattate...

Tutto ciò che non sai è vero...

Xion
Ritratto di Xion
Offline
Unito: 2 Giu 2010
Messaggi: 28
Ho avuto le risposte nello

Ho avuto le risposte nello teamspeak del 6 Giugno 2010,
tranne alla prima domanda.

Grazie a tutti.

Tutto ciò che non sai è vero...

Federico Pistono
Ritratto di Federico Pistono
Offline
Fondatore del capitolo nazionale
AmministratoreStaff Zeitgeist Italia
Unito: 18 Mar 2009
Messaggi: 1420
Questa sera risponderemo

Questa sera risponderemo anche a quella :)

Federico Pistono - Fondatore del Movimento Zeitgeist Italia
:: http://facebook.com/federicopistono.page
:: http://twitter.com/federicopistono
:: http://it.federicopistono.org

Xion
Ritratto di Xion
Offline
Unito: 2 Giu 2010
Messaggi: 28
Sono riuscito ad ascoltare

Sono riuscito ad ascoltare solo ora il teamspeak del 13 Giugno.
Anche se in ritardo grazie per aver risposto anche alla domanda:

Xion" ha scritto:
Le idee espresse da Fresco e le linee guida per la realizzazione del VP sono dogmatiche o un semplice canovaccio su cui lavorare?
Intendo dire, ciò che dice Fresco può essere rimesso in discussione dalla comunità e cambiato se necessario?
E fino a che punto?

Ciao!

Tutto ciò che non sai è vero...

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
Qualche dubbio

Salve a tutti,
mi ha molto colpito l'aver scoperto questo gruppo ed il progetto venus. Penso che il progetto venus sia molto valido ma che abbia dei punti che sono stati approfonditi in maniera approssimativa.

1 - La religione
Nei video si parla della religione citando il cristianesimo (egitto ecc) e vengono scardinati dei concetti in base a delle somiglianze con altri "messia" del passato. Non si fa cenno ad altre religioni come il buddismo o l'induismo.
La cosa mi pare molto sciocca da parte di un organizzazione che ha studiato tanto bene tutto il resto (non sono ironico). Personalmente ho studiato le religioni dal lato esoterico e pratico e posso dire che chi comprende la religione in questo senso, sa che personaggi come Cristo, in realtà sono solo rappresentazioni per esprimere degli "stati interiori" (per esempio: "lo stato del cristo" è uno stato in cui si percepisce la realtà in modo diverso e superiore)... ma non sono quì per fare lezioni, nè mi sento un maestro.
Quello che voglio dire è che la questione va affrontata seriamente e non va tralasciata solo perchè si è notato che horus e cristo sono la stessa cosa.
Pensate a come potrebbe diventare la psiche di un uomo che: non lavora, ha tutto quello che gli serve, ed ha una tecnologia strabiliante... secondo me le future generazioni del progetto venus (qualora riuscisse... e me lo auguro) diverrebbero troppo mentali e rischierebbero realmente di diventare come i personaggi del cartone wall-e.
Le religioni di tutto il mondo hanno sempre mirato a mantenere in equilibrio: intelletto, emozioni e corpo. Quando queste tre componenti sono in disequilibrio ogni scelta presa tende ad essere di tipo dannosa e le generazioni future tenderanno sempre ad essere autologoranti.

2 - L'energia
Ovviamente ignorando quanto detto sopra, è impossibile capire tante altre cose anche riguardo alla produzione di energia.
Nelle varie proposte del progetto venus, sono menzionate: l'eolico, correnti marine e alte maree e geotermico.
Se si avesse una conoscenza esoterica si saprebbe che sottraendo l'energia dalla terra, si sottrae l'energia all'uomo... dunquequalsiasi tipo di energia, ed in special modo quella elettrica, va prelevata all'esterno del pianeta terra (per esempio con pannelli solari fluttuanti nello spazio).

Mi rendo conto di essere approssimativo ed autoreferenziale, ma come ho detto sopra, non sono ne saggio, ne ho il dono della parola, dunque sono disposto ad approfondire la discussione con il vostro aiuto.

Gianluca

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
4v4l0n42 ha

4v4l0n42 ha scritto:
Gian_Maria ha scritto:
Libertà assoluta? O_o
Una persona non sarà libera per es. di ammazzarne un'altra.

Di fatto nessuno glielo vieterà, sarà una cosa talmente ovvia che nessuno si sognerà di farlo. Come se in casa tu ammazzassi tua mamma. Tutte le volte che è accaduta una cosa del genere c'erano gravi problemi di violenza, fisica o/o psicologica, alla base.

In situazioni non aberranti è una cosa semplicemente inconcepibile.

Non sono d'accordo. Non è vero che la violenza deriva solamente da situazioni negative precedentemente vissute.
Ripeto, come ho già scritto nel mio primo post, che si sta cercando di formare un nuovo modello di civiltà troppo velocemente, ignorando molti fattori: come la religione (altrimenti ti citerei la storiella di Caino e Abele).

Si è visto che anche gli animali uccidono per gelosia e "invidia": Scimmie, cani ecc.
Non so se tu hai un cane... ma prova a portare un altro cagnolino a casa e poi dimmi che non è geloso (i cani più tremendi li uccidono).
Anche le scimmie in natura, uccidono per gelosia e non per fattori legati alla riproduzione (del maschio dominante).
Pinguini che rubano i cuccioli ad altri pinguini quando il suo muore ecc.

Potrei farti parecchi esempi per dimostrarti che alcune disarmonie sono intrinseche nell'uomo e non derivano da traumi avvenuti in passato.
(da quì il messaggio che ha cercato di trasmenttere la religione: l'uomo nasce peccatore)
Ho appena scritto un post di critica dove parlo appunto di questo e vorrei approfondire l'argomento

Ti Saluto

Gianluca

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Provo a rispondere

Citazione:
Non sono d'accordo. Non è vero che la violenza deriva solamente da situazioni negative precedentemente vissute.

...

Si è visto che anche gli animali uccidono per gelosia e "invidia": Scimmie, cani ecc.
Non so se tu hai un cane... ma prova a portare un altro cagnolino a casa e poi dimmi che non è geloso (i cani più tremendi li uccidono).
Anche le scimmie in natura, uccidono per gelosia e non per fattori legati alla riproduzione (del maschio dominante).
Pinguini che rubano i cuccioli ad altri pinguini quando il suo muore ecc.

Potrei farti parecchi esempi per dimostrarti che alcune disarmonie sono intrinseche nell'uomo e non derivano da traumi avvenuti in passato.

Anche la gelosia degli animali deriva da "esperienza passate", o meglio, dall'ambiente. Nel tuo esempio, può darsi che il cane veda un suo simile come un nemico dal momento che quest'ultimo rappresenta per lui una minaccia per la sopravvivenza potendogli "rubare" il padrone; padrone che è uno solo (scarsità). Ma se il cane fosse cosciente di avere la garanzia di avere accesso alle risorse per la propria sopravvivenza (anche perchè un solo padrone può prendersi cura di entrambi), non attaccherebbe nessuno (forse c'è in mezzo anche una questione affettiva invece che di pura sopravvivenza, ma il discorso dovrebbe essere simile in entrambi i casi). Il punto, però, è che il cane ha un intelligenza limitata, quindi non è in grado di arrivare a certe cose da solo; questo spiega il comportamento aggressivo di molti verso i suoi simili nel caso che hai specificato. Posso dirti, però, che esistono casi di convivenza tranquilla tra cani dove addirittura uno di loro cerca di "educare" l'altro cercando di fermarlo quando fa qualcosa che i padroni non vogliono. Con un'adeguata educazione, si può finire anche per insegnare al cane (seppur solo creandogli associazioni emotive) a non fare certe cose, quindi tutto si riconduce ad ambiente ed educazione.
Nell'esempio della mamma, invece, non c'è assolutamente nessuna ragione nè razionale e nè emotiva, alla nascita, di ammazzarla (la mamma è la cosa più indispensabile per la sopravvivenza di qualunque mammifero nei primi tempi di vita); quindi il desiderio di ammazzarla credo possa nascere solo in tempi successivi sulla base di determinate esperienze negative.

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Citazione:
1 - La religione
Nei video si parla della religione citando il cristianesimo (egitto ecc) e vengono scardinati dei concetti in base a delle somiglianze con altri "messia" del passato. Non si fa cenno ad altre religioni come il buddismo o l'induismo.
La cosa mi pare molto sciocca da parte di un organizzazione che ha studiato tanto bene tutto il resto (non sono ironico). Personalmente ho studiato le religioni dal lato esoterico e pratico e posso dire che chi comprende la religione in questo senso, sa che personaggi come Cristo, in realtà sono solo rappresentazioni per esprimere degli "stati interiori" (per esempio: "lo stato del cristo" è uno stato in cui si percepisce la realtà in modo diverso e superiore)... ma non sono quì per fare lezioni, nè mi sento un maestro.
Quello che voglio dire è che la questione va affrontata seriamente e non va tralasciata solo perchè si è notato che horus e cristo sono la stessa cosa.
Pensate a come potrebbe diventare la psiche di un uomo che: non lavora, ha tutto quello che gli serve, ed ha una tecnologia strabiliante... secondo me le future generazioni del progetto venus (qualora riuscisse... e me lo auguro) diverrebbero troppo mentali e rischierebbero realmente di diventare come i personaggi del cartone wall-e.
Le religioni di tutto il mondo hanno sempre mirato a mantenere in equilibrio: intelletto, emozioni e corpo. Quando queste tre componenti sono in disequilibrio ogni scelta presa tende ad essere di tipo dannosa e le generazioni future tenderanno sempre ad essere autologoranti.
Riguardo al rapporto tra il Movimento Zeitgeist e la religione, prova a dare un'occhiata qui.

Citazione:
2 - L'energia
Ovviamente ignorando quanto detto sopra, è impossibile capire tante altre cose anche riguardo alla produzione di energia.
Nelle varie proposte del progetto venus, sono menzionate: l'eolico, correnti marine e alte maree e geotermico.
Se si avesse una conoscenza esoterica si saprebbe che sottraendo l'energia dalla terra, si sottrae l'energia all'uomo... dunquequalsiasi tipo di energia, ed in special modo quella elettrica, va prelevata all'esterno del pianeta terra (per esempio con pannelli solari fluttuanti nello spazio).

Mi rendo conto di essere approssimativo ed autoreferenziale, ma come ho detto sopra, non sono ne saggio, ne ho il dono della parola, dunque sono disposto ad approfondire la discussione con il vostro aiuto.

Beh, sicuramente, se venissero a galla problematiche relative all'estrazione di energia dalla Terra, di sicuro si cambierebbe modo di fare in una società simile al Venus Project.
Il punto è: qual'è l'evidenza che rende l'estrarre energia dall'interno della Terra controproducente?

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
Voglio aggiungere qualche

Voglio aggiungere qualche informazione, giusto per dare dei punti di riflessione riguardo a quello che ho detto.
Ovviamente come io ho difficoltà ad assimilare i concetti espressi in materia di finanza, gestione economica, tecnologia e scienza, chi non si è mai interessato a fondo sulle varie religioni e sul loro senso, probabilmente avrà le stesse difficoltà a comprendere il concetto esoterico di quello che sto per dire. E' un argomento che nei tempi è stato sempre comunicato in maniera velata e allegorica (come tutti sapete, parlare di certe argomentazioni tempo fa era molto pericoloso: eresia=fuoco).
La chiesa, già molto prima dei tempi di Galileo aveva perso l'essenza dell'essere Cristiani, base degli insegnamenti dettategli da "Gesù".
Quando parlo dei Cristiani, sto parlando di uno stato di coscenza/consapevolezza particolare.
Per Gesù invece, intendo la persona (probabilmente con l'aiuto di altre persone) che è stata in grado, scrivendo i vangeli, di aggiornare la religione egiziana adattandola ai tempi moderni... o meglio di allora, circa 2000 anni fa.
Non bisogna vedere come un plagio il fatto di aver preso Iside/Horus trasformandoli in Madonna/Cristo, con questa storia hanno solo cercato di aiutarci... dirci come bisogna vivere e cosa bisogna lottare. Il popolo egiziano, aveva notato la perdita di conoscenza/cosapevolezza da generazione in generazione, ed hanno fatto il possibile per tramandarcelo! Quindi non sono daccordo quando si dice che le scritture siano un invenzione per anestetizzare gli uomini e che l'hanno fatto per scopi negativi.
I tentativi di aggiornare la "cultura" egizia sono stati molti, ecco perchè si ritrovano tanti personaggi analoghi a Cristo... ma dopo tanto sangue, si è scelto Cristo: era la versione che più completa che rappresentava la "cultura" egiziana, il modo in cui bisogna vivere... ed essere.

I libri sacri, per essere definiti SACRI, devono contenere in se due opposti e cioè due metodi di comprensione: ESSOTERICO (destinato al pubblico) ed ESOTERICO (destinato a chi ha le orecchie per intendere).
Le religioni del mondo fanno pena, solo perchè la massa le vede, in maniera ESSOTERICA
Faccio un esempio:
La frase: Ama il prossimo tuo come te stesso
ESSOTERICO: Ama gli altri, ama la gente ecc, aiuta il prossimo.
ESOTERICO: Ama quello che ti è più prossimo (per esempio io ora dovrei cercare di mettere un po di emozionalità in quello che ho davanti, il computer, sto premendo di tasti per scrivere, le mie dita sono sudate, attorno a me ci sono colori, odori, rumori a cui prima di scrivere questa frase, non facevo caso... e presto li dimenticherò dinuovo. Anche l'attenzione tende a decadere.

Sulla massa, prevarrà sempre l'ESSOTERICO sull'ESOTERICO, perchè per apprendere l'esoterico c'è bisogno di sforzo, di un lavoro su se stessi e di fronte ad uno sforzo, l'uomo tende sempre a rinunciare, se non ha un buon motivo per farlo.
"Nulla si evolve meccanicamente. Ouspensky"

Detto questo vorrei porre l'accento su 2 fattori così importanti, che l'organizzazione di una nuova civiltà, se non vuole decadere non può non considerare.
La storiella della torre di babele dice proprio questo: su che basi si sta costruendo questo nuovo modello di società? Guarda che se non la basi sulle giuste regole, l'uomo la degenererà e quando si è a quel punto (la vetta al cielo e miliardi di persone), è difficile ristabilire un ordine, la gente non si capirà (come se parlasse altre lingue), la torre sarà destinata a crollare... proprio come oggi.

Siete così sicuri che l'uomo, se allontanato dallo sforzo del lavoro e e dall'oppressione della moneta, non si vada a cacciare in qualche altro guaio che per noi ora è incomprensibile?

Cerchiamo di ricordare le trappole in cui si è andato a cacciare l'uomo prima di trovarsi nella situazione attuale:
1 - Baratto (per cedersi dei beni si usava il baratto)
2 - Invenzione dei soldi (come faccio a darti una casa in cambio di una barca? semplice dissero facciamo le monete d'oro che esprimono un valore
3 - I ladri grattavano le monete d'oro alleggerendole (semplice creiamole di metallo e rappresentano un valore in oro)
4 - Durante gli scambi di grosse quantità d'oro da movimentare per l'uso della moneta i pirati saccheggiavano le navi e rubavano enormi quantità d'oro (semplice creiamo un titolo che rappresenti una quantità in oro)
5 - La gente si accorse pen presto che andare a prelevare l'oro era solo una perdita di tempo e cominciò a tenersi i titoli in tasca (nacquero i soldi e le banche)
6 - Ci ritroviamo dove siamo ora!

Col senno di poi, è facile vedere dove hanno sbagliato i nostri antenati, ma il punto è... quando ci saranno dei problemi nuovi, in una civiltà nuova, riusciremo a prendere le giuste decisioni? decisioni che non prendano pieghe inaspettate?
No! se non c'è un pensiero attivo. E questo tipo di pensiero non si conquista casualmente, ma solo facendo determinati sforzi giornalieri che Gurdjeff chiama "Doveri Esserici".

Tutte le civiltà sono partite bene e finite male... persino l'egitto è finito male e ci hanno lasciato un avviso... un manuale di istruzioni.
Se la sono fatta nel cu.. (scusatemi) per tramandarci questa cosa... gli schiavi, al contrario di quanto si pensa, sapevano che era un lavoro divino,era altruista, era per noi tutto quel lavoro.

Ma ora forse i periodi sono maturi e l'uomo è pronto ad accettare, quello che è stato sempre nascosto dalla chiesa e per cui molti sono finiti al rogo.

Da circa 60 anni o forse più, delle persone che io ritengo molto particolari, hanno attualizzato di nuovo la religione, proprio come fecero con Cristo ed Horus rendendola comprensibile a noi contemporanei (Sto parlando di G.I.Gurdjieff, di P.Ouspensky e di Rodney Collin), se leggete i loro libri vi renderete conto che il senso vero della religione (e non quella dei papi corrotti) mira

all'armonia dell'uomo con la natura e alla crescita interiore. Questa volta Gurdjieff e gli altri, non avevano la chiesa alle calcagna, essendo quasi nostri contemporanei e dunque hanno svelato ciò che è stato sempre velato.

Riassumo quello che viene detto (e che potrebbe essere studiato dal progetto Venus, qualora intuisca qualcosa di Vero):

1 - L'UOMO E' COMPOSTO DA TRE CORPI PERTANTO E'SPECIALE E PUO ARMONIZARSI FINO AD EVOLVERE
Emozioni e Intelletto: sono di natura elettronica.
Il corpo: e fatto dalle stesse componenti di cui è fatta la terra.
I corpi di natura elettronica, per forza di cose vengono influenzate dal corpo (da quì i famosi peccati della carne che offuscano in divino che è in noi... l'Elettronco. Un uomo è Santo quando riesce a non fare influenzare le sue parti elettroniche dall'influenza del corpo.

"Il modo in cui lo spirito è unito al corpo non può essere compreso dall'uomo, e tuttavia in questa unione consiste l'uomo.
Sant' Agostino"

Ora entra in campo l'uso dell'energia elettrica ed il progetto Venus che cita i diversi modi di usarla.
L'energia elettrica (a parole mie) non è nient'altro che la distruzione della forza risolutrice (neutra) che tiene unite le due cariche + e - in modo latente (eSSotericamente: padre, figlio e spirito santo). Questa forza (la forza neutra) compenetra l'universo ed anche l'uomo la usa inconsapevolmente per le sue funzioni biologiche/elettroniche. Non so bene il perchè, andrebbe studiato da persone più competenti in materia, ma Gurdjieff afferma che il consumo nell'atmosfera del pianeta di questa forza, toglie energia all'uomo, e gli rende molto difficile avere pensieri attivi (cioè solo elettronici senza l'influenza del corpo).
I pensieri sotto l'influenza del corpo, sono quei pensieri che avvengono meccanicamente, come l'immaginazione (non quella creativa), le pippe mentali, le convinzioni ecc.).
Il problema è che se non si pensa attivamente si fanno scelte sbagliate, fondate su convinzioni ecc... miliardi di scelte sbagliate, nel tempo degenerano una società. La nostra società è degenerata, non è nata degenerata.
Personalmente, mi fido di Gurdjieff perchè credo in lui... ma invito scenziati e fisici con la mente aperta a leggere e studiare i suoi libri.

2 - NELL'UNIVERSO ESISTONO DUE LEGGI FONDAMENTALI
e quì mi evito di scrivere e vi rimando ad un link (di un tizio che non conosco, quindi garantisco solo quesa pagina.)

Per chi vuole approfondire consiglio di leggeri questi libri... e nel seguente ordine:

Frammenti di un insegnamento sconosciuto. di P.D.Ouspensky
Le Influenze celesti di Rodney Collin
I Racconti di Belzebù a suo nipote di G.I.Gurdjieff

Spero di non avervi annoiati

Gianluca

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Citazione:
Col senno di poi, è facile vedere dove hanno sbagliato i nostri antenati, ma il punto è... quando ci saranno dei problemi nuovi, in una civiltà nuova, riusciremo a prendere le giuste decisioni? decisioni che non prendano pieghe inaspettate?
Se ci si baserà sulla rigorosa applicazione del metodo scientifico, molto probabilmente si. Ed è proprio questo che intende fare una società in linea con il Venus Project.
L'hai letta la Guida d'Orientamento? Ci viene spiegato proprio qual'è il miglior approccio per capire le cose e cos'è che induce in errore (l'errore d'irresponsabilità, perchè esiste anche un errore fisiologico inevitabile dovuto al fatto che non avremo mai la possibilità di sapere tutto il necessario per giungere a tutte le esatte conclusioni).

Riguardo a cosa pensa il movimento della religione, l'hai visto il video che ti ho linkato?

Riguardo al discorso dell'energia, se davvero è controproducente sottrarre energia dell'interno della Terra, la scienza prima o poi ne verrà a capo. Non c'è bisogno di studiare la religione per capirlo (almeno che questa non si sia effettivamente trovata di fronte a delle evidenze; evidenze, però, del quale non hai ancora parlato), basta studiare la natura delle cose.

P.S. Preciso che tutto ciò che ho detto rappresenta il mio parere basato su ciò che ho avuto modo di conoscere, e vorrei sottoporlo ai più competenti.

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
AlbertoR ha scritto:Se ci si

AlbertoR ha scritto:
Se ci si baserà sulla rigorosa applicazione del metodo scientifico, molto probabilmente si. Ed è proprio questo che intende fare una società in linea con il Venus Project.
L'hai letta la Guida d'Orientamento? Ci viene spiegato proprio qual'è il miglior approccio per capire le cose e cos'è che induce in errore (l'errore d'irresponsabilità, perchè esiste anche un errore fisiologico inevitabile dovuto al fatto che non avremo mai la possibilità di sapere tutto il necessario per giungere a tutte le esatte conclusioni).

Metodo scientifico vuol dire usare la logica applicata alla scienza. Ma se la scienza è limitata, anche la logica sarà limitata.
La parte intellettuale dell'uomo, nei messaggi esoterici veniva indicata col personaggio di UROBORO che è il "serpente che si morde la coda"... questo vuol dire molto...
Vedi quello che io sto cercando di dire è che, noi ora stiamo giudicando gli errori del passato ed in base a quelli stiamo valutando gli errori e cercando di applicare il metodo scientifico.
Ma il metodo scientifico ignora, l'intervallo cosmico (che è un intervallo riscontrabile in tutto l'universo. Per esempio nella scala musicale DO RE MI FA SO LA SI DO tutte le note hanno un semitono, tranne tra MI-FA e SI-DO).
Per il pensiero esoterico questo è un esempio che l'evoluzione non è meccanica, perchè se non si colmano gli intervalli mancanti con uno sforzo cosciente, la nostra azione è destinata a deviare e girare in tondo.

Se non tramandi queste cose alle tue generazioni future... il pensiero scientifico che andrai ad applicare, potrà andar bene forse per 2/5 generazioni... poi inevitabilmente le generazioni future perderanno il vero senso che noi abbiamo dato a quella parola e lo modificheranno inconsapevolmente. Il problema è proprio questo... tramandare il senso delle cose in modo corretto!! (affinchè non vengano aggiornate prima di essere capite veramente)

AlbertoR ha scritto:
Riguardo al discorso dell'energia, se davvero è controproducente sottrarre energia dell'interno della Terra, la scienza prima o poi ne verrà a capo. Non c'è bisogno di studiare la religione per capirlo (almeno che questa non si sia effettivamente trovata di fronte a delle evidenze; evidenze, però, del quale non hai ancora parlato), basta studiare la natura delle cose.

Ma questo non è uno spreco inutile di risorse?
Le evidenze non ci sono e non ci saranno mai, se qualcuno non inizia a studiarle scientificamente.

Ho letto la guida, ma non il video (non capisco l' inglese). Ho letto parecchio e credo, anche non essendo andato a fondo, che il modo in cui è stato trattato l'argomento religione non toglie i miei dubbi.

Il fatto è, che così come servono gli ingegneri, i medici e professioni di vario genere, allo stesso modo serve lo "stregone", il "sacerdote", il "mistico". Cioè, colui che impegna il suo tempo a migliorare se stesso e ad equilibrare se stesso... il fatto è che c'è bisogno di una "vocazione" per aspirare a questo e non tutti vogliono o possono farlo. Così come uno è bravo nell'uso della letteratura, anzichè della medicina o della meccanica allo stesso modo ci sono persone portate a capire questo. Purtroppo non c'è nessun individuo degno di nota che vi possa mensionare.
Mi sembra che nel Progetto Venus venga esclusa questa figura del sacerdote (che hanno anche gli indios incontaminati),solo perchè le religioni hanno fatto la loro magra figura.
Se si vuole coinvolgere i religiosi di tutte le religioni in questo progetto (e per relgioso intendo, colui che pratica e vive i risultati del suo praticare), non bisogna eliminare la religione ma piuttosto bisogna usare un metodo che le abbracci tutte... e con tutta franchezza, dire che "il metodo scientifico" possa sostitutire 10000 anni di religioni... lo può dire solo chi non le conosce a fondo.

Che ognuno faccia il suo mestiere.

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Citazione:
Metodo scientifico vuol dire usare la logica applicata alla scienza. Ma se la scienza è limitata, anche la logica sarà limitata.
Tutta la nostra percezione è limitata, e di conseguenza anche le religioni con il loro messaggio esoterico. La scienza non è altro che la manifestazione delle nostre capacità di osservazione ed elaborazione; non può esserci niente di più efficace.

Citazione:
Ma il metodo scientifico ignora, l'intervallo cosmico
Premetto che non sono competente in materia, ma se la scienza ignora l'intervallo cosmico è perchè nessun ricercatore scientifico ha mai sperimentato qualcosa che lo portasse alla luce; e finchè le cose non si sperimentano, finchè le ipotesi non vengono testate, non si può affermare nulla.
Allora ti chiedo: quali esperimenti ha fatto la religione per essere così sicura dell'esistenza dell'intervallo cosmico?

Citazione:
Ma questo non è uno spreco inutile di risorse?
Perchè mai dovrebbe essere uno spreco di risorse lo studio della natura delle cose?

Citazione:
Le evidenze non ci sono e non ci saranno mai, se qualcuno non inizia a studiarle scientificamente.
Cosa ti fa temere che nessuno mai inizierà a studiarle?
E se proprio nessuno dovesse arrivare a supporre la presenza di qualunque cosa sia l'intervallo cosmico, potresti sempre farlo tu spiegando cos'è che te ne fa ipotizzare l'esistenza; e se la tua ipotesi fosse corretta, verrebbe senz'altro presa in considerazione.

Citazione:
Il fatto è, che così come servono gli ingegneri, i medici e professioni di vario genere, allo stesso modo serve lo "stregone", il "sacerdote", il "mistico". Cioè, colui che impegna il suo tempo a migliorare se stesso e ad equilibrare se stesso...
Anche migliorare se stesso è un processo scientifico. Qualunque uso delle capacità umane con lo scopo di trovare una spiegazione obiettiva delle cose è scienza.
Se scoprissimo di avere la telepatia o altre capacità, semplicemente si amplierebbero le nostre possibilità di osservazione; ma il metodo scientifico sempre lo stesso rimarebbe: osservazione -> ipotesi -> test dell'ipotesi -> se si rivela falsa, aggiornamento dell'ipotesi, e ripetizione dell'iter. Chiaramente, più aumentano le nostre capacità, più il numero di volte che l'iter si ripete diminuisce.

Citazione:
e con tutta franchezza, dire che "il metodo scientifico" possa sostitutire 10000 anni di religioni...
Se le religioni hanno la (relativa) certezza di ciò che affermano, vuol dire che hanno utilizzato un approccio scientifico.

Citazione:
Che ognuno faccia il suo mestiere.
Il "mestiere" del futuro è l'interdisciplinarietà.

Tutto ciò è sempre in mia opinione e sempre con piacere vorrei essere "convalidato".

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
Citazione:Ma il metodo

Citazione:
Ma il metodo scientifico ignora, l'intervallo cosmico
Citazione:
Premetto che non sono competente in materia, ma se la scienza ignora l'intervallo cosmico è perchè nessun ricercatore scientifico ha mai sperimentato qualcosa che lo portasse alla luce; e finchè le cose non si sperimentano, finchè le ipotesi non vengono testate, non si può affermare nulla.
Allora ti chiedo: quali esperimenti ha fatto la religione per essere così sicura dell'esistenza dell'intervallo cosmico?

La religione moderna non ha fatto esperimenti perchè non sa queste cose. Come ho detto precedentemente, la chiesa ha perso il nocciolo della questione da molto tempo.
Gurdjieff, Ouspensky e Collin, hanno parlato e spiegato queste cose... ma sulla cima della torre di babele, è difficile farsi sentire!
Quante cose non vengono prese in considerazione oggi... non si parla della fusione fredda, figurati se vanno a preoccuparsi di questo genere di cose.

Citazione:
Ma questo non è uno spreco inutile di risorse?
Citazione:
Perchè mai dovrebbe essere uno spreco di risorse lo studio della natura delle cose?

Mi riferivo a questa frase: Riguardo al discorso dell'energia, se davvero è controproducente sottrarre energia dell'interno della Terra, la scienza prima o poi ne verrà a capo.
Prima costruisci impianti geotermici, pale eoliche ecc. e poi ci ripensi? Difronte a quello che sto dicendo, bisognerebbe verificare, pima di andare avanti.

Citazione:
Le evidenze non ci sono e non ci saranno mai, se qualcuno non inizia a studiarle scientificamente.
Citazione:
Cosa ti fa temere che nessuno mai inizierà a studiarle?
E se proprio nessuno dovesse arrivare a supporre la presenza di qualunque cosa sia l'intervallo cosmico, potresti sempre farlo tu spiegando cos'è che te ne fa ipotizzare l'esistenza; e se la tua ipotesi fosse corretta, verrebbe senz'altro presa in considerazione.

Questa è esattamente la mia intenzione.

Citazione:
Il fatto è, che così come servono gli ingegneri, i medici e professioni di vario genere, allo stesso modo serve lo "stregone", il "sacerdote", il "mistico". Cioè, colui che impegna il suo tempo a migliorare se stesso e ad equilibrare se stesso...
Citazione:
Anche migliorare se stesso è un processo scientifico. Qualunque uso delle capacità umane con lo scopo di trovare una spiegazione obiettiva delle cose è scienza.
Se scoprissimo di avere la telepatia o altre capacità, semplicemente si amplierebbero le nostre possibilità di osservazione; ma il metodo scientifico sempre lo stesso rimarebbe: osservazione -> ipotesi -> test dell'ipotesi -> se si rivela falsa, aggiornamento dell'ipotesi, e ripetizione dell'iter. Chiaramente, più aumentano le nostre capacità, più il numero di volte che l'iter si ripete diminuisce.

Migliorare se stessi è un medico scientifico... perfetto, ma sappi che il metodo per migliorare se stessi già esiste, e se non funziona è solo perchè nessuno lo usa.
Nessuno lotta contro le proprie caratteristiche per migliorarsi, eppure perchè non farlo... ora!. Chi lotta oggi contro la propria pigrizia? Contro la loro Brama? Contro l'invidia? Se nessuno lo fa oggi, perchè dovrebbero farlo domani?

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karahack

Citazione:
Quante cose non vengono prese in considerazione oggi... non si parla della fusione fredda, figurati se vanno a preoccuparsi di questo genere di cose.
Ok, ma tu non si stavi parlando di oggi, ma del Venus Project; temevi che anche nel Venus Project sarebbe continuata questa "ignoranza". Allora ti ho detto che ciò non è vero, perchè in una economia basata sulle risorse in un regime di collaborazione mondiale c'è tutto l'interesse a valutare tutte le ipotesi.

Citazione:
Prima costruisci impianti geotermici, pale eoliche ecc. e poi ci ripensi? Difronte a quello che sto dicendo, bisognerebbe verificare, pima di andare avanti.
Verrà senz'altro fatto, se ciò che porti si dimostrerà plausibile.
Il movimento è il primo a dire che persino tutto ciò che divulga tutt'ora potrà in futuro essere completamente stravolto per via di nuove scoperte.

Citazione:
Questa è esattamente la mia intenzione.
Ottimo. E sono anche curioso di cosa possa uscire fuori da questa questione dell'intervallo cosmico.

Citazione:
Nessuno lotta contro le proprie caratteristiche per migliorarsi, eppure perchè non farlo... ora!. Chi lotta oggi contro la propria pigrizia? Contro la loro Brama? Contro l'invidia? Se nessuno lo fa oggi, perchè dovrebbero farlo domani?
Perchè in un ottica dove non si riceve nessuna imposizione, si ha abbondante accesso alle risorse, non si deve dare conto a particolari logiche come quella del profitto e dove sono state esposte le ragioni che rendono l'ego insensato, tutti questi comportamenti negativi non avranno modo di esistere.
P.S. La visione esatta di queste cose non ce l'ho ancora, quindi rimando il discorso ed eventuale risposta più esaustiva di qualcun'altro.

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
Si in realtà, molte mie

Si in realtà, molte mie considerazioni sono mosse dal timore che ancora una volta la nuova civiltà rinneghi l'essenziale.

"Mostratemi la pietra scartata dai costruttori; quella è la chiave di volta." Vangelo di Tommaso

AlbertoR, se è come dici tu, ne sono ben felice e dispostissimo a condividere il mio "sapere" per aiutare.
Non so fino a che punto si possano dimostrare tante cose del metodo che vi ho citato, forse potranno solo essere "non smentite".

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Citazione:
AlbertoR, se è come dici tu, ne sono ben felice e dispostissimo a condividere il mio "sapere" per aiutare.
^^
Vieni quando puoi agli incontri settimanali in audiochat e potrai avere risposte da persone più esperte.

Xion
Ritratto di Xion
Offline
Unito: 2 Giu 2010
Messaggi: 28
Benetazzo e dubbi sull'abbandono del petrolio

Guardando questi video molto interessanti in cui Eugenio Benetazzo spiega egreggiamente i limiti di questa societa', mi sono venuti alcuni dubbi sulla possibilita' di abbandonare totalmente il petrolio come risorsa energetica.
Ovviamente invito a guardare il video in questione:

Nello specifico viene spiegato che per estrarre minerali, e far funzionare grossi macchinari da lavoro non e' possibile farlo con energie alternative perche' troppo deboli.
Inoltre anche le pale eoliche i pannelli solari ecc... sono costituiti da elementi derivanti dal petrolio.
Quindi come ne usciamo?

Grazie a tutti per le eventuali delucidazioni.

Tutto ciò che non sai è vero...

peter-ray (non verificato)
Ritratto di peter-ray
Boh!

Anche a me ha lasicato un pò perplesso questo discorso, ma non sarei troppo convinto di quello che dice.
Secondo me di macchinari che non vanno a Petrolio ce sono già a bizzeffe a disposizione, solo che non te lo dicono mai questo.

Energie deboli? Questo non l'ho capito poi tanto.
Se parla di Eolico può darsi (c'è chi dice che è sottovaluatato), ma da grandioso FAN del Daitarn III e del Gundam (parliamo di serie animate TV del 79/80 e noi siamo al 2010; fatti due conti) non credo che quella solare sia debole, anzi ne dubito, e poi c'è la geotermica di cui però so veramente poco, ma il fatto sta che tali applicazioni a noi servono per accumulare energia elettrica...... insomma, non mi immagino di certo l'utilizzo di una ventola per estrarre minerali :D

Magari quello che poi rimane da capire è di quanto assorbimento elettrico si parla per trivellare sottoterra, quanto dura una carica etc., ma qui mi fermo perché entra in gioco la mia incompetenza in materia ^^

Citazione:
Inoltre anche le pale eoliche e i pannelli solari ecc... sono costituiti da elementi derivanti dal petrolio.

Questo non l'ho capito.
Diceva che i pannelli solari etc. sono fatti in gran parte da materiali come silicio cadmio e qualcos'altro, ergo, fatti di materiali che comunque devi estrarre da qualche parte. Si riferiva sempre alle macchine da utilizzare per scavi ed estrazioni di materie prime etc... non che sono fatti da derivati del petrolio.... o_O

Almeno io avevo capito così!

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
Re: Benetazzo e dubbi sull'abbandono del petrolio

Citazione:
Nello specifico viene spiegato che per estrarre minerali, e far funzionare grossi macchinari da lavoro non e' possibile farlo con energie alternative perche' troppo deboli.
Inoltre anche le pale eoliche i pannelli solari ecc... sono costituiti da elementi derivanti dal petrolio.
Quindi come ne usciamo?
Be', probabilmente si riferisce alle sole tecnologie derivate dal sistema monetario (anche se comunque qualcosa di indipendente dal petrolio credo stia iniziando ad uscire). Di sicuro questo discorso non vale in una Economia Basata Sulle Risorse, e di sicuro il petrolio è una risorsa dannosa.

peter-ray (non verificato)
Ritratto di peter-ray
A Karnhack

Cerco di darti una risposta generica

Per il punto 1. fai di sicuro riferimento a Zeitgeist The Movie, ma il movimento è nato con Addendum (ovvero il secondo film).

Quando Joseph ha girato The Movie non gli balenava neanche per la testa di fare un seguito e tantomeno promuovere un movimento, quindi, le due cose vanno decontestualizzate.

Se avrai modo di approfondire il materiale che c'è qui (ed è davvero tanto) c'è anche un intervista "Who is Peter Joseph?" in cui spiega bene e con sincerità questa cosa.

Detto questo è da precisare che la critica (ammetto che è un po' pesante) in The Movie non è rivolta alle religioni intese come discipline, ma ai suoi dogmi, all'indottrinamento e all'establishmet che le Chiese hanno instaurato nel tempo anche a livello politico, che come ben saprai, è l'esatto contrario di quello che dicevano i vari Cristo, Budda, Mithra o Krishna etc...

Per il punto 2, si potrebbe discutere all'infinito, ma vista la tua competenza in materia di religioni che ci sarà di sicuro utile, ti invito se voi a partecipare a questo progetto qui

Per il momento siamo in due, ma la cosa curiosa è che il secondo collaboratore ha come nick proprio il personaggio della tua citazione. Questo mi fa pensare che avremo molte cose da dirci, ma ti consiglio, nel caso in cui tu sia interessato, di ricostruisciti un po' da dove siamo partiti per capire dove vogliamo arrivare

Ciau :)

karnhack
Ritratto di karnhack
Offline
Unito: 14 Lug 2010
Messaggi: 28
a Peter-ray

peter-ray ha scritto:
Detto questo è da precisare che la critica (ammetto che è un po' pesante) in The Movie non è rivolta alle religioni intese come discipline, ma ai suoi dogmi, all'indottrinamento e all'establishmet che le Chiese hanno instaurato nel tempo anche a livello politico, che come ben saprai, è l'esatto contrario di quello che dicevano i vari Cristo, Budda, Mithra o Krishna etc...

Cia Peter-Ray in realtà avevo già abbandonato le idee di questo movimento e me ne sono tirato fuori... condivido pienamente tutto sull'uso delle risorse, ma quando sento parlare di "applicazione del metodo scientifico" mi viene una risata e non posso che pensare a quanto è illuso il tizio che l'ha proposto.

In realtà il "metodo scientifico" non è errato ma è l'illusione che l'uomo possa interpellarlo a suo piacimento che lo rende ridicolo... e come quando un uomo deve mantenere il "self-control" durante un incidente o uno shock... o la meditazione o chiamalo come vuoi. Il problema è che l'uomonon ha la testa dove ha i suoi piedi e raramente si troverà ad usare la funzione giusta al momento del bisogno.
Prendi quattro uomini e metili su un isola deserta senza viveri... dopo 4 giorni si scannano. E vero che se avessero usato il metodo scientifico non si sarebbero scannati, ma presi dalla fame, dalla stanchezza e da tutto il resto non riusciranno ad applicarlo (a meno che non ci sia un ""santo"" che sappia discernere le sue funzioni e sappia ragionare con la testa anzichè col corpo sofferente).

Ritornando alla parte che ho quotato ci sono delle contraddizioni tra quello che dici ed il video:
1- Dici che il movimento non ce l'ha con Cristo e gli altri ma con i dogmi, la chiesa ...ma il movimento vede Cristo come una copia di Horus... o no? Il video non attacca Cristo mostrando le varie similitudini con i Dei passati e con gli eventi astronomici???

Quindi il movimento si chiarisse le idee in merito a questa situazione (ho forse vuole fare un passettino indietro?non credo proprio).

Per quanto riguarda la collaborazione col movimento... ci ho provato, ma quando ti trovi persone che "applicano il metodo scientifico" senza manco leggere interamente i post che scrivi... be allora investo il mio tempo per cose più utili invece che parlare a dei sordi.

Il movimento mi interessa, ma non è maturo ed è già pieno di quella gente che tanto criticate.

Scusate la mia franchezza, ma è quello che penso.

Buona fortuna

Avrete acquistato del vero buonsenso solo il giorno nel quale avrete appreso a distinguere quello che vi farà bene o male domani da quello che vi sembra buono o cattivo oggi. Gurdjieff

peter-ray (non verificato)
Ritratto di peter-ray
x Karnhack: Perplessità

Ciao

Karnhack

In verità non sapevo nulla dei tuoi precedenti in questo movimento, io sto qui da due mesi e mezzo circa e di certo non ho avuto modo di visionare tutte le discussioni che ci stanno, ma ai fini del gruppo di lavoro che ti ho proposto non credo che sia poi così rilevante.

Il metodo scientifico può essere uno strumento formidabile se ci si approccia nel modo giusto. Anche io ho notato che per molti, o forse quasi tutti, questo approccio ancora manchi in parte o del tutto, ma non lo vedo motivo sufficiente per rinunciarvi.

Sul fatto dei 4 uomini su un'isola deserta credo che tu stia facendo di tutta l'erba un fascio, in quanto dipende da tanti fattori.
Probabile che 4 indigeni facciano esattamente quello che hai descritto, ma magari 4 bonzi tibetani troverebbero il modo di collaborare e di uscire dalla situazione critica.
Non si tratta sempre di esseri umani?

Lo studio sul comportamento e sull'autocontrollo che ti ho proposto in quel 3D ha appunto lo scopo di analizzare tutto ciò che concerne questi argomenti.

Ho motivo di credere che scienza, filosofia e religione siano tutte correlate tra loro in un'unica verità che intendo scoprire, ed è per questo che ti ho invitato. Non sei almeno un po' curioso? ^^

Relativamente al discorso di Horus e Cristo è evidente che le varie storielle presentino delle similitudini innegabili, ma non sarebbe rilvante più di tanto se la gente avesse accolto con maggiore attenzione il vero messaggio che molte religioni volevano portare.
Nella snostra storia abbiamo sempre ripetuto a pappagallo tutto quello che alcuni sono riusciti a fare con la propria forza di volontà.
Siamo sempre stati deboli e bisognosi di seguire un leader esattamwente come un gregge di pecore segue il suo pastore.

Ma forse oggi c'è una possibilità che la gente possa veramente acquisire quello stato di cosceinza per liberarsi da questa schiavitù che il cristianesimo chiama peccato, ma che per me vuol dire solo "vigliaccheria".

Capisco che ti dia fastidio che The Movie metti in evidenza solo i lati negativi delle religioni, ma come già accennato nel post preedente Joseph e Fresco hanno parlato molto chiaro a riguardo in altri video.

Fresco sarebbe felicissimo di mettere in pratica gli insegnamenti di Cristo, il problema è che non si è mai fatto, e non si può di certo dire che ci sia chiarezza di intenti in questi termini, specialmente da parte di coloro che si definiscono cristiani, cattolici, ortodossi, protestanti, gesuiti ect. ect. ect.

Per vedere il vero messaggio di Cristo. sarebbe sufficiente dimenticare Betlemme i re magi il Bue e l'asinello e leggere solamente pochi versdi del Vangelo apocrifo di S. Tommaso per scoprire tante di quelle verità riscontrabili anche con l'applicazione del metodo scientifico.

Il movimento non è maturo? Certo che non lo è, ma si cresce piano piano e magari in questo potresti dare un aiuto piuttosto che ritirarti ad aspettare tempi migliori che probabilmente non arriveranno mai.

Il tuo generalismo non è confortante.
Il fatto che molti non riescano ad approdare al metodo non vuol dire che sia un' illusione; ll movimento, tra le tante cose, ha anche il compito di metterlo il luce sto benedetto metodo scientifico. Magari non lo stiamo facendo nel modo giusto, ma possiamo imparare.

Se invece ti riferivi ad alcuni in particolare allora il discorso cambia, e magari se ne può discutere.

Detto questo ti rinnovo il mio invito.

Non pretendo che tu accetta, ma mi farebbe piacere che dessi almeno uno sguardo su quanto discusso, e magari ci potresti dare qualche elemento che possa aiutarci nell'impresa.

http://www.zeitgeistitalia.org/node/1668

Ciau^^

peter-ray (non verificato)
Ritratto di peter-ray
X Karnhack: Il contrario di noia

Leggendo bene quello che hai postato sono sempre più convinto che dovresti collaborare con me e Gurdjeff su questo progetto:

http://www.zeitgeistitalia.org/node/1668

Non voglio sembrarti troppo insistente, ma farmi sfuggire la tua collaborazione sarebbe un vero spreco

Ciau^^

AlbertoR
Ritratto di AlbertoR
Offline
Unito: 20 Maggio 2009
Messaggi: 1233
a karnhack

Citazione:
In realtà il "metodo scientifico" non è errato ma è l'illusione che l'uomo possa interpellarlo a suo piacimento che lo rende ridicolo... e come quando un uomo deve mantenere il "self-control" durante un incidente o uno shock... o la meditazione o chiamalo come vuoi. Il problema è che l'uomonon ha la testa dove ha i suoi piedi e raramente si troverà ad usare la funzione giusta al momento del bisogno.
Prendi quattro uomini e metili su un isola deserta senza viveri... dopo 4 giorni si scannano. E vero che se avessero usato il metodo scientifico non si sarebbero scannati, ma presi dalla fame, dalla stanchezza e da tutto il resto non riusciranno ad applicarlo (a meno che non ci sia un ""santo"" che sappia discernere le sue funzioni e sappia ragionare con la testa anzichè col corpo sofferente).
Questo che hai esposto è proprio ciò che diciamo noi, cioè che se il livello di disperazione di una persona supera una certa soglia, essa compierà anche atti distruttivi pur di sopravvivere. Insomma, l'ambiente influenza in gran parte il comportamento. Non esiste alcuna natura umana precostituita. Ma con un'educazione ed un ambiente sani, l'uomo sviluppa il suo massimo potenziale (un potenziale, però, che è comunque soggetto ad errori; per questo nel Venus Project è previsto l'uso di una IA per arrivare alle decisioni).
Quello che affermi implicherebbe che gli ambienti nel quale l'uomo si troverà a vivere saranno sempre ostili ad un lucido uso del proprio cervello, il che è infondato.

Citazione:
1- Dici che il movimento non ce l'ha con Cristo e gli altri ma con i dogmi, la chiesa ...ma il movimento vede Cristo come una copia di Horus... o no? Il video non attacca Cristo mostrando le varie similitudini con i Dei passati e con gli eventi astronomici???
Putroppo nel nostro materiale ancora non abbiamo ancora messo in chiaro la relazione fra la serie di film Zeitgeist ed il movimento (ma ci stiamo lavorando); fin'ora l'abbiamo solo spiegato più volte in giro per il forum.
Zeitgeist: The Movie è un opera nata semplicemente dalla cultura e dallo stato d'animo nel quale Peter Joseph si trovava nel momento che l'ha concepita. Ed in quel momento, non aveva assolutamente in mente di dare vita al movimento, nè quindi si era cautelato nel parlare di certi argomenti. Quello che ha fatto è stato semplicemente l'esperimersi ed il pubblicare liberamente questa sua espressione su internet per curiosità, per capire che effetto avrebbe fatto. Be', il risultato ha sorpreso anche lui; una grande quantità di persone si è interessata al documentario ed al suo contenuto al punto da far diventare l'opera più di un fenomeno cinematografico. A quel punto, alcune persone hanno proposto a Peter Joseph di fare qualcosa per risolvere i problemi della società. E da qui, assieme all'essere stato contattato da Jacque Fresco ed all'aver ricevuto il suo libro ed il materiale sul Venus Project, si arrivati a Zeitgeist Addendum ed al movimento. Per questo, The Movie, non ha niente a che vedere con esso.
Le informazioni ufficiali sulla questione sono in questa pagina (che stiamo traducendo) ed in questo documentario intervista (la traduzione non è definitiva).
Inoltre, per sapere cosa pensa il movimento delle religioni, guarda questo breve video (anche questa traduzione non è definitiva).

Citazione:
Per quanto riguarda la collaborazione col movimento... ci ho provato, ma quando ti trovi persone che "applicano il metodo scientifico" senza manco leggere interamente i post che scrivi... be allora investo il mio tempo per cose più utili invece che parlare a dei sordi.
Da quello che scrivi, sembra che tu ti sia limitato ad interagire nel forum, e non è così che ci può considerare davvero in collaborazione con il movimento. Per farlo vieni più spesso agli incontri in Teamspeak e mettiti in contatto con i coordinatori dei GdL che preferisci.

Citazione:
Il movimento mi interessa, ma non è maturo ed è già pieno di quella gente che tanto criticate.
E' vero che non è maturo, ma non per quello che dici tu. Se affermi che le persone che lo portano avanti non leggono tutto quello che scrivi, credo tu abbia avuto a che fare con quelle che per ora frequentano solamente il forum ed ancora non vogliono/possono contribuire.

cirotti
Ritratto di cirotti
Offline
Unito: 17 Gen 2011
Messaggi: 73
E se il megacomputer decidesse di sterminare la razza umana?

Questo progetto prevede che i computer possano prendere delle decisioni. "Non vogliamo persone al controllo del governo. Vogliamo utilizzare metodi scientifici per giungere a decisioni più appropriate.".

A mio parere, si dovrebbe prendere in considerazione l'ipotesi che il "megacomputer" possa decidere di voler sterminare la razza umana. In quel caso, con tutto il potere che gli è stato delegato, ne avrebbe buon gioco.

Nella guida dell'attivista trovo una citazione di A. Clarke che ritiene ridicolo il caso e varie altre dichiarazioni che negano il possibile problema.
Invece mi piacerebbe trovare esposto il problema.

Badate bene: io sono ben cosciente che il megacomputer potrebbe davvero servire a fare una società migliore.
D'altro canto, lo stesso problema lo si ha anche in questa società: la 'singolarità' potrebbe venir fuori (o forse è già venuta fuori) anche senza venus project.
Tematizzare il problema potrebbe servire a rendere il venus project più sicuro dell'attuale società.

..se l'hai vorsuto capì l'hai capito..

Gabriele Alloro
Ritratto di Gabriele Alloro
Offline
Unito: 24 Set 2010
Messaggi: 252
Il supercomputer sarà un

Il supercomputer sarà un database di informazioni e non un robocop coi tentacoli capace di agire distruggendo, sarà perlopiù un'applicazione ipertecnologica del metodo scientifico a livello planetario e per questo darà soltanto soluzioni. Nessuna legge, nessuna azione punitiva, ma essenzialmente risposte ai problemi di varia natura della specie umana, considerando il sistema simbiotico Terra di cui essa stessa ha bisogno per prosperare ed evolversi.

Ma credo che come sono giunto io a questa semplice considerazione possono tutti farlo semplicemente approfondendo la comprensione del materiale già presente qui. Cmq probabilmente a breve avrai ulteriori spunti di riflessione per capire che l'ipotesi da te posta è inverosimile.

Cmq benvenuto e spero di esserti stato di aiuto.

Ciao :)

La stupidità dell'uomo finirà insieme alla stesso sistema economico e sociale attuale dal quale è alimentata.

cirotti
Ritratto di cirotti
Offline
Unito: 17 Gen 2011
Messaggi: 73
tematizzare le problematicità

Gabriele Alloro ha scritto:
Il supercomputer sarà un database di informazioni e non un robocop coi tentacoli capace di agire distruggendo, sarà perlopiù un'applicazione ipertecnologica del metodo scientifico a livello planetario e per questo darà soltanto soluzioni. Nessuna legge, nessuna azione punitiva, ma essenzialmente risposte ai problemi di varia natura della specie umana, considerando il sistema simbiotico Terra di cui essa stessa ha bisogno per prosperare ed evolversi.
da quello che ho letto, mi risulta che l'applicazione non sia pensata per essere un semplice db consultivo, ma che debba essere il più possibile legata alla produzione.
cmq va da sè che avendo da una parte un db onnipresente, e dall'altra una produzione automatizzata, vengano legate.

in generale, anche dopo aver visto moving forward ieri, considero veramente questo progetto una bellissima cosa. credo anche che una seria disamina delle problematicità (rischio tecnocrazia, rischi legati all'emergere dell'intelligenza artificiale) porterebbe un valore aggiunto notevole al progetto, specialmente nella convinzione degli scettici.
a mio parere questi rischi vi sono. se ho ragione, negarli non aiuta.

ciao e grazie del benvenuto :)

..se l'hai vorsuto capì l'hai capito..

cirotti
Ritratto di cirotti
Offline
Unito: 17 Gen 2011
Messaggi: 73
precisazione

forse non è chiaro dal mio post precedente, ma ci tengo a sottolineare che la mia critica al progetto è da riferirsi all'interno del progetto: a me questo progetto piace davvero molto. nessun progetto collettivo ci può cmq rappresentare al 100%, specialmente un progetto come questo che ci presuppone donne e uomini liberi.
è anche vero che ciò che divide, in una discussione, è più importante di ciò che unisce, perchè ciò che ci unisce lo diamo per scontato.
questo progetto credo rappresenti le mie idee al 90%. e non è poco.

..se l'hai vorsuto capì l'hai capito..

hereistay
Ritratto di hereistay
Offline
Unito: 31 Gen 2011
Messaggi: 7
Vorrei capire una cosa del

Vorrei capire una cosa del venus project.
Allora, se il sistema monetario scompare, ma tutto il resto continua ad esistere, come scuole, industrie, centrali per la produzione di energia, dovranno pur esserci insegnanti, tecnici...per quanto lo sviluppo sia avanzato da poter utilizzare le macchine comunque qualche essere umano dovrà pur svolgere delle "attività" per il bene comune, no?
Detto questo, costoro dovrebbero compiere un lavoro per il bene comune senza alcuna retribuzione?
Al di là di quello che la società attuale ci ha messo nella zucca, ma se ciò accadesse veramente la natura umana porterebbe a una rivolta, a meno che ci siano delle regole secondo cui tutti lavorano ma senza retribuzione.
Però pur mettendola così, poi su cosa ci si basa per l'assegnazione dei beni?
Se oggi un bene se lo aggiudica chi ha i soldi per acquistarlo, nel venus project non avendo nessuno prevalenza sull'altro come ci si dividono i beni?
Nel senso come si farà a rispettare la parità?

Poeta
Ritratto di Poeta
Offline
Unito: 21 Dic 2010
Messaggi: 22
Risposta/proposta

Hai posto un'ottima domanda Her, cercherò di rispondere nel miglior modo secondo la mia visione che può ovviamente essere errata. Ti rispondo dalla seconda domanda cioè "Come divideremo i beni?", domanda oltremodo leggittima, come sappiamo il fabisogno umano è personale, un bambino ha bisogno di 100kg di pasta al giorno, un uomo adulto di 75kg e un vecchio di 25kg, ora, questi esempi sono semplicemente per dare una base sulla diversità, che può essere semplicemente morfologica in ambito di età o che sia per costizione o ogni variante fisica, notiamo il fatto che, come detto, abbiamo una tecnologia la cui attuazione potrebbe sfamare 12 volte la popolazione esistente, quindi non vedo come la distribuzione sia un problema se esiste l'eccesso della medesima, ma sono sicuro che il 91% se non più di voi si chiederà "Si ma la carne? o le uova? o cmq tutti i prodotti animali?" a quale terribile domanda, scegliere tra una succulenta fettina di carne o un piatto di riso? A questa non ho una risposta logica, io risponderei abolizione dello sfruttamento animale o cmq per la maggior parte, iniziare una dieta vegana che è la cosa migliore, ma è troppo ottimista come visione a questa domanda non sò come rispondere per ora, potrei sparare un'idea da definire, allora premetto che i dati che vi fornisco sono reali perchè ho un diploma agrario, una vacca da latte al giorno (NON SFRUTTATA) da un minimo di 25l ad un massimo di 45l (NON SFRUTTANDOLA) diciamo una media di 30l/g, diciamo che al giorno una persona beva 2l di latte, bene facendo un semplice calcolo 1 vacca sfama 15persone, ora se ogni citta avesse 5000 persone servirebbero 340 vacche da latte circa una quantità ragionevole non vi pare? Stesso ragionamente con tutti gli altri animali, ovviamente è da vedere ma magari si potrebbe pensare ad un allevamento che non sfrutta gli animali ma che dia prosperità ad ogni città, io propongo questa come via, fate voi. Passiamo alla seconda domanda "Chi e come gestirà quei lavori che le macchine non potranno compiere e come si retribuiranno?" bè in primis nel mondo ci sono tanti volontari per quanto riguarda la retribuzione bè ho risposto con il fatto che i beni "vegetali" saranno "illimitati" per quanto riguarda i beni animali non lo sò ragazzi ho cercato di rispondere come meglio potevo spero di essere stato esaudiente per le risposte che sono riuscito a dare.

Condividi contenuti