inizia

Zeitgeist: Addendum

Download (in italiano) Download (torrent, in inglese) Download sottotitoli

Zeitgeist Addendum, scritto, diretto e prodotto da Peter Joseph. Secondo film del regista Americano, dopo Zeitgeist, The Movie, propone un'alternativa al nostro stile di vita, passando dalla denuncia all'azione. Recensione in arrivo.

4.76923
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (26 voti)

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.
marco putzolu
Ritratto di marco putzolu
Offline
Unito: 28 Mar 2011
Messaggi: 71
RE:C'è un'aspetto da considerare

Buon giorno jettero,il tuo commento è meritevole di nota.
Quello che io alla mia età di 49 anni posso affermare è questo:

Tutte le generazioni hanno inconsapevolmente perpetrato uno status comportamentale,allineandosi,conformandosi,senza una elaborazione in senso critico,senza approfondire,dubitare,sganciandosi in modo indipendente dalla massa.

E questo ci porta al seguente "livello":Perchè

Credo che la maggior parte delle persone (credo la maggioranza),vivono all'ombra di una ideologia,di un credo,nel seguire una figura,un leader,un'autorità,per trovare sicurezza attraverso essa.

Viviamo in Realtà come gli uomini di 3000/4000 anni fà,con i loro credi dogmatici e attraverso questi credi Uccidono/si fanno uccidere.

Viviamo ancora nella prevaricazione,nella competizione...addirittura nel prendere un cestino al supermercato,e questo perchè già nelle scuole (vanno rifondate con nuove Basi),il ragazzo analizza la realtà attraverso insegnamenti basati su prìncipi quali:Confronto tra meritevoli e non meritevoli(attraverso un voto),meccanizzazione dell'apprendimento,competizione individualista,il raggiungimento di uno status.

Hai ragione quando affermi:Se sento ancora uno che dice "la storia è importante perché è da essa che si imparano gli errori" gli tiro le orecchie!

Infatti la storia viene insegnata perchè venga perpetrata.

Quindi quando tu chiedi:cosa è l'evoluzione

L'evoluzione è:La modalità con la quale gli esseri umani riusciranno a decristallizzare la loro esistenza abbandonando definitivamente tutte le varie forme di condizionamenti millenari,come le tradizioni,le culture,le religioni,i dogmi.

Hai citato alla fine del tuo commento una frase di un "Gigante" vissuto in fino alla fine degli anni 90(Krishnamurti),l'unico essere umano "Senza Tempo",che è riuscito con attente analisi,a determinare quello che realmente siamo,dando la possibilità agli esseri umani di sgancirsi con un passato che non gli appartiene più.

Non dava un metodo perchè non si considerava un maestro,una figura da seguire,ma essere linea guida di se stessi.

Prima di intervenire all'interno del movimento,il mio Istinto percepiva che dubitare,approfondire,guardarsi dentro,è lo strumento per Evolvere.

Non credo negli esseri umani competitivi,violenti,egocentrici,individualisti,ma le circostanze "Ambientali" che generano tali manifestazioni.

Infatti si configura in me la consapevolezza,rimanendo in Tema di Evoluzione,un nuovo concetto di aggregazione umana (oggi società),dove gli esseri umani "Privi" di condizionamenti di qualunque natura,senza più guerre,senza più individualismi,e dove venga coltivata l'Empatia,la Collaborazione,sia utilizzata la tecnologia e l'approccio scientifico per un passaggio ad un nuovo Paradigma Evolutivo.

Cordiali saluti a tutti

marco

Débora Spera
Ritratto di Débora Spera
Offline
Unito: 22 Gen 2013
Messaggi: 14
Evoluzione dell'uomo

Ciao jettero.
Che lungo scrivi! ;)
Sai che a me non piace usare il termine "evoluzione" nelle scienze sociale, o i temi a essa vincolati. Il concetto "evoluzione" lo lascio alle scienze naturali perché ha degli "spigoli" che non centrano --credo io-- con la dinamica antropologica, come mutazioni, selezione naturale, ecc. Certo che si possono trovare delle analogie, ma non chiudono molto bene (secondo me, ripeto)
Né vedo il mondo in bianco o nero: perché "evoluzione interiore" o "evoluzione sociale"? Possono camminare insieme, non ti pare? Non lo fai tu? Già il fatto che ci sia qui a scambiare ti fa parte di questo! Mi sbaglio?
Io ho una spiegazione per questo oblio del quale tu parli, e l'ho preso da un libro che ti consiglio di leggere perché è molto ricco, "L'orologiaio ceco" di Richard Dawkins.
Lì, questo biologo spiega una cosa molto ovvia, ma che spesso ci sfugge: il cervello umano è capace di pensare in termini di decade, in rapporto, giustamente, al tempo medio di vita che i aspetta come specie. Analizzare secoli di storia va oltre alle nostre capacità biologiche, come per una mosca sarebbe impossibile pensare in termini di decade perché solo vive qualche alcune settimane. Non è brillante?!
Però, a differenza di altri mammiferi, abbiamo costruito la cultura, ed è questa la che ci permette di andare in dietro e analizzare da dove veniamo e progettare dove vogliamo andare.
Sei sicuro che non abbiamo imparato niente della storia? Proprio niente? Sei più pessimista di me!!! Ahaha!
Io credo che viviamo, in tanti aspetti, molto meglio. E la possibilità di porre quest'aspetto in discussione è la prova!
;)

Débora Spera
Ritratto di Débora Spera
Offline
Unito: 22 Gen 2013
Messaggi: 14
Imparare dalla storia

jettero
Sono d'accordo con te in tanti punti.
Su ZM ancora lo sto analizzando, perciò sono qui.
Sì, credo io come te che il cambio inizia dentro. Ma intanto, non possiamo fare la prova di cambiare qualcosa fuori? Hai figli? Lo chiedo perché dal momento che gli hai, il "fuori" diventa importantissimo!
Quindi, se io posso pensare alla educazione de mio figlio come un compito mio; pensare ad educarlo in modo che possa lui criticare il mondo che ha attorno; insegnarle ad ascoltare, mettendo in discussione i discorsi che gli arrivano; non accettando "le verità" in giro sennò analizzando il tutto; ecc., ecc., posso farlo col mio prossimo, no?
Senza una rivoluzione sanguinosa e mettendo cartelli per strada; solo chiacchierando , scambiando idee si può pensare a cambiare la cultura.
Non ti pare?
Tu affermi che ZM vuole "cambiare il mondo" per dopo cambiare le coscienze individuali? Non mi pare! Credo di aver capito che tu + me + lui + lei +...+...+... è a formula che si pretende: tutti insieme non è lo stesso di "in generale". Ti ho capito bene?
:)

Débora Spera
Ritratto di Débora Spera
Offline
Unito: 22 Gen 2013
Messaggi: 14
Simone

L'hai detto meglio di me, e sono d'accordo con le parole di Luca Pacitto, perché quando ne parlo con io marito, per esempio, di queste cose, entra in tilt e mi dice una frase che odio ma che è vera:"La realtà vince sempre!".
Ma come hai anche detto, se pensiamo ZM come un progetto statico invece di dinamico, non rappresenterà mai un vero cambio.
:D

Débora Spera
Ritratto di Débora Spera
Offline
Unito: 22 Gen 2013
Messaggi: 14
Valerio

Applausi!

Débora Spera
Ritratto di Débora Spera
Offline
Unito: 22 Gen 2013
Messaggi: 14
jettero

Più ti leggo, meno ti capisco!
Parli del cambio individuale, ma non sarà che sei come tanti che alla fine stai aspettando che a prima mossa la faccia qualcun altro? Di quelli che aspettano che dalle autorità l'ordine di cosa fare o come pensare?
Essere critico e non coinvolgersi, a cosa serve?
La tua percezione della storia è troppo corta, penso. Certo che tante cose sono cambiate: non stiamo tu ed io sgobbando in piantagione cantando canzoni da schiavi, solo per dare un esempio quasi stupido!
Invece, stiamo, computer in mezzo, chiacchierando su come cambiare una cosa che può essere cambiata.
Non è già tanto, anche sia pochissimo?
;)

jettero
Ritratto di jettero
Offline
Unito: 30 Apr 2013
Messaggi: 15
beh, Krishnamurti ha

beh, Krishnamurti ha riassunto in 3 parole quello che io sono riuscito a malpena esprimere in tanti post, balbettando e inciampando nel mio cattivo italiano (non sono italiano). Comunque quello è il concetto base del futuro fallimento di questo movimento, qualsiasi nuova unità verrà installata nel sistema, durerà quel che durerà in quanto la società è assolutamente non pronta. Ecco perché ho detto prima crescere da individuo e poi pensare alla pappa comune. Il contrario non potrà mai funzionare.
Alla fine Krishnamurti o lo accetti oppure ci passi sopra, ma le sue parole sono li come macigni.

jettero
Ritratto di jettero
Offline
Unito: 30 Apr 2013
Messaggi: 15
È probabile che ci sia un

È probabile che ci sia un meccanismo del genere nel cervello, lo vedo anche annualmente quando la gente si lamenta del tempo, come in questo periodo per esempio, la gente dice sempre che non ha mai visto un inverno cosi di M. Poi senti i meterologi che parlano anche di oblio e di scherzi della mente e che la gente non ricorda assolutamente niente della meteo dell'anno prima, che era peggio. Penso anche io sia una cosa del genere, però le ricette della nonna quelle si siamo capaci a tramandarle, eh? Quando si tratta di pappa allora non c'è verso si fa come si faceva 300 anni fa. Vedi che se si vuole si può ricordare la procedura.

jettero
Ritratto di jettero
Offline
Unito: 30 Apr 2013
Messaggi: 15
Non ho figli, non ne ho mai

Non ho figli, non ne ho mai avuti in quanto la penso cosi da quando ero parecchio giovane e il fatto di mettere su famiglia contrastava totalmente con il mio modo di pensare e con la mia ricerca individuale introspettiva.
Questo fatto della famiglia putroppo è un punto dolente nel senso che potrebbe pesare dalla parte sbagliata in fatto di decisioni molto importanti.

Ti faccio un esempio... So che la banca del Gottardo a Zurigo ha nei caveau tonnellate di oro nazista (sappiamo da dove proviene l'oro), so che questa banca lava più bianco che più bianco non si può (nel senso del riciclaggio provienente da armamamenti, droga e soldi rubati alle popolazion dei diversi paesi), sono sempre stato contro la criminalità per coscenza personale, ma se mia figlia trova un posto in questa banca come cassiera a 7'000 euro al mese cosa faccio?? vedi te in che conflitto si trova il padre di questa figlia.

Da qui il fatto che la società in quanto tale non è sempre in grado di prendere decisioni senza scendere a compromessi, perché troppo coinvolta. Ecco qua un altro filone del discorso relativo al conflitto d'interesse che secondo me é la malattia numero uno della società.

Questo era un esempio stupido ma ce ne sono altri.

Valerio Lisci
Ritratto di Valerio Lisci
Offline
Unito: 26 Gen 2013
Messaggi: 51
jettero cosa dici?

Quindi quello che facciamo non può funzionare perché la società non è pronta...perciò è meglio un'analisi introspettiva...

E quando sarà pronta la società? così da un momento all'altro?
O sarà pronta quando "qualcuno finirà la sua analisi"....

Forse quello che facciamo almeno serve a farla cambiare un pochino, mentre non fare nulla di sicuro non serve a nulla.

Krishnamurti lo puoi accettare o no, e le sue parole le puoi interpretare come macigni oppure come sassolini fastidiosi che impediscono di camminare.

Come ho già detto prima: la tua analisi non ha nessun fondamento e nessun orizzonte. Per essere infelici e pensare a se stessi, o essere infelici pensando agli altri, qual è la cosa migliore? pensa a questo.

"Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti non possa cambiare il mondo. In realtà sono sempre e solo stati loro a cambiarlo"

marco putzolu
Ritratto di marco putzolu
Offline
Unito: 28 Mar 2011
Messaggi: 71
RE:jettero

Buon gorno jettero.

Successo,Fallimento del Movimento beh non lo sò.Cosa è positivo o cosa è negativo!

Abbiamo strutturato il mondo in una scala di valori.(è un fatto)

E se questa scala nella Realtà non esistesse.(è bene dubitare)

Vedì,già cambiando prospettiva...in senso più ampio(noi vediamo in 2 dimensioni),vivremmo le nostre vite in modo diverso,senza sforzi,senza l'obbligo delle scelte per rispetare un'ipotetica scala di valori.

Però mi rendo conto che,il solo fatto di scrivere ho già fatto una scelta.

Poi realizzo che la scrittura è l'estensinone della coscienza;del vissuto;della memoria.

E' vero che siamo frammentati,è vero che attraverso le scelte non c'è libertà,perchè le scelte ci obbligano al conflitto.

Ho scelto bene,ho scelto male...quanti di noi non è preso da questa
rete di incognite.

Forse non dovrei nemmeno essere qui,perchè ho scelto.

Ho scelto "Perchè" devo dare delle risposte hai miei figli.

Ho dico loro:

Si guarda,OK studia perchè viviamo in questa società di consumismo,quindi dopo gli studi devi lavorare(forse),devi spendere per far girare l'economia,pagare le bollette,fare dei debiti per la macchina,per la casa etc etc.

Ho dico:

Guardate che c'è la possibilità di vedere la vita da un'altra prospettiva,da una prospettiva diversa,più ampia,dove sia possibile vivere senza competizione sociale,vivere in un pianeta "Pulito",vivere senza crimine anche per l'esistenza del denaro,eliminare le strutture e sovrastrutture che ci manipolano,insomma vivere e non soprovvivere.

Quindi ho fatto la mia scelta,scegliendo la seconda opzione.

IL MZ,Peter Joseph,Jacque Fresco evidenziano quello che già in parte noi tutti sapevamo,ma cosa è accaduto di diverso,rispetto al passato?

E' accaduto che invece di contrastare il sistema con la violenza,le armi,contrapporre una ideologia ad un'altra,si è passati nel dare risposte scientifiche per intraprendere la strada alla risoluzione dei problemi a cui stiamo assistendo.

Questo è già un primo ed importante passo avanti per gli esseri umani.

Cordiali saluti

marco

Massimiliano Ma...
Ritratto di Massimiliano Masciulli
Offline
AmministratoreModeratore
Unito: 3 Lug 2009
Messaggi: 773
offtopics

ragazzi non voglio fare il guastafeste, la discussione è molto interessante ed anche se non ho avuto il tempo di rileggerla tutta (si trascina dal 2009!! e non ho letto nemmeno tutti gli ultimi commenti) tuttavia non mi sembra affatto in topic, e parliamo di una consistente mole di commenti.
se pensavate di venirne a capo in un paio do OT va bene, ma riempire la pagina del film di considerazioni su quel che pensa jettero mi sembra eccessivo.
avrei voluto intervenire prima (ed avrei DOVUTO), ma in fondo mi faceva piacere che ci fosse (finalmente) una discussione intellettualmente vivace.
tuttavia non posso non cercare di guidarvi al corretto uso del forum.

il regolamento in proposito dice:

  • 7
    Non divagare rispetto all'argomento della discussione; anche se talvolta questo comportamento è accettato o almeno tollerato aggiungendo il tag [OT] (cioè Off Topic che significa "Fuori Tema") nell'oggetto del proprio messaggio. Se hai un nuovo argomento, puoi creare una nuova discussione. Questo facilita le altre persone nel cercare un argomento specifico.

e la GUIDA ALL'USO DEL SITO dice:

  • [2.2] Testo del post ★★
    non scrivere O.T. (off topic – fuori tema – fuori contesto) gli OT sono largamente tollerati, ma restano pur sempre un indice di cattiva educazione, se sei spinto da una reale necessità puoi postare OT ma con attenzione a non far naufragare le discussioni su temi completamente avulsi dal topic (tema).

    NOTA: Se la discussione sta prendendo una direzione interessante, ma OT rispetto al topic originario, crea una nuova discussione o cercane una adatta e metti un messaggio con un link tra le discussioni

    E ricorda che in casi di OT i moderatori possono rimuovere il post.

aggiungo a queste spiegazioni il fatto che state scrivendo su una "book page" e questo comporta che la discussione in atto non appare nemmeno nella cronologia degli argomenti del forum attivi.
se esiste una discussione interessante, e qualcuno guarda i "temi caldi" in cronologia (o la crono del forum) NON LA VEDE!
le regole non sono state create per "rompervi i maroni" ma per dare A TUTTI un facile ed efficiente accesso alle informazioni, così facendo state limitando la visibilità di una discussione così "calda".

come scritto nella guida all'uso, avreste dovuto abbozzare una risposta mettendo un link dove proseguire la discussione.

esempio:
[su questo 3d]

tizio ha scritto:
io dico così

ciao tizio ti rispondo QUI (link al 3d xyz)
invito anche gli altri a proseguire al link.

[3d xyz]
creo questo 3d per rispondere a ciò che scrive tizio nell'altro 3d (link al 3d originario)

tizio ha scritto:
io dico così

caro tizio io la penso cosà.
------------

CAPITO?

----------------------------
MASMARUPOR
moderatore forum - gestione utenti/gruppi

Massimiliano Ma...
Ritratto di Massimiliano Masciulli
Offline
AmministratoreModeratore
Unito: 3 Lug 2009
Messaggi: 773
[OT] PS.

mi raccomando!
nel caso creiate un nuovo 3d dategli un titolo che tutti anche chi non ha partecipato alla discussione possa capire.
no assolutamente a titoli tipo "risposta a tizio".

legal:

  • 5)
    Scegli titoli il più possibile specifici, significativi e attinenti al contenuto del post. Questo:
    • accresce la probabilità di essere letti e di ricevere risposte;
    • è necessario per avere un forum ordinato e leggibile senza fatica;
    • facilita le ricerche da parte di altri utenti.

ci siamo capiti.

----------------------------
MASMARUPOR
moderatore forum - gestione utenti/gruppi

marco putzolu
Ritratto di marco putzolu
Offline
Unito: 28 Mar 2011
Messaggi: 71
RE:[OT] PS

Chiediamo venia Massimiliano,va bene dai concedi ogni tanto delle lungaggini espressive.

Considera Massimiliano che tutto è iniziato dal film di Peter Joseph,e siamo all'interno del forum parecchie "Anime" pensanti,e il film merita doverosi approfondimenti,tanto che non ci accorge del tempo cui si dedica a tematiche così importanti.

Un abbraccio sincero.

marco

Leonardo Barbagallo
Ritratto di Leonardo Barbagallo
Offline
Unito: 29 Giu 2014
Messaggi: 2
risposta

ciao marcoaaron per pubblicarli su facebook puoi digitare i titoli dei video su you tube e da li li condividi, il supporto per i video del movimento e you tube, ciao

Leonardo barbagallo

Condividi contenuti